GLISPETTACOLI

E' Successo un Quarantotto!...

...ovvero le cinque giornate di Milano

 

Commedia Teatrale di Massimiliano Paganini - Regia: M. Paganini e S. Farioli

LEDATE

In occasione dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia, la Compagnia Teatrale “Entrata di Sicurezza” di Castellanza porterà in scena nelle stagioni 2010/2011 e 2011/2012 il nuovo spettacolo teatrale di Massimiliano Paganini “E' successo un quarantotto! ovvero Le Cinque Giornate di Milano”.

 

Il 1 gennaio 1848 il professor Giovanni Cantoni invita i milanesi ad attuare uno sciopero del fumo per colpire il monopolio austriaco del tabacco. Nei giorni successivi i soldati austriaci ubriachi girano per Milano fumando ostentatamente attirando gli insulti e l’ilarità dei milanesi.

 

La reazione austriaca è violenta e sfocia in una repressione nel sangue.

 

Intorno alla metà di marzo dello stesso anno i giovani viennesi (soprattutto gli studenti universitari) insorgono per chiedere maggiori libertà costringendo alle dimissioni il potente cancelliere Metternich.

LEFOTO

IVIDEO

DATESCORSE

La notizia giunge a Milano il 17 marzo e due giorni dopo una folla di milanesi con in testa il podestà Casati si dirige verso il Palazzo del Governo dove Enrico Cernuschi costringe il vice-governatore O’Donnel a firmare tre decreti in favore dei milanesi.

 

In seguito all’arresto di O’Donnel il Feldmaresciallo Radetzky dichiara lo stato di assedio e minaccia di bombardare la città con duecento cannoni.

 

Iniziano così le Cinque Giornate di Milano (l’episodio più importante della Prima Guerra di Indipendenza) che divengono fin dal primo momento un’insurrezione di popolo e che si concluderanno con la fuga degli austriaci dalla città meneghina.

 

Il testo rappresentato è ambientato nella casa del professor Giovanni Cantoni dove i fatti storici si fondono con la finzione romanzata a costituire una commedia brillante e divertente come nella tradizione della Compagnia “Entrata di Sicurezza”.

 

Lo spettacolo vuole essere un tributo a Milano e ai milanesi che in quelle cinque memorabili giornate sono insorti a rischio della vita per innalzare in ogni casa, in ogni via, su ogni palazzo, il tricolore al grido di “Viva l’Italia!”.

 

Note dell’autore

 

La storia narrata è un misto di realtà e finzione.

Personalità storiche presenti indirettamente nei fatti narrati sono Carlo Cattaneo, il Feldmaresciallo Radetzky, Carlo Alberto, Ferdinando I, Metternich, il Manzoni per citare i più importanti.

Altre personalità storiche sono tra i protagonisti dello spettacolo: Giovanni Cantoni, Enrico Cernuschi, Luigi Torelli, Luciano Manara, il maggiore Ettinghausen.

Discorso a parte va fatto per la contessa Confalonieri defunta nel 1830. L’autore ne ha allungato la vita per omaggiarne il nome e la figura (il citato Conte Confalonieri, invece, è realmente morto nello Spielberg nel 1847).

I puristi considerino pure tale personaggio un omonimo della vera contessa scomparsa diciotto anni prima.

Sono, invece, inventati di sana pianta i personaggi della commedia non ancora citati come i dialoghi rappresentati anche se l’autore ritiene di aver colto lo spirito di fondo delle Cinque Giornate in seguito alla ricerca bibliografica e al colloquio con gli storici milanesi.

L’autore ha scritto la commedia con profonda ammirazione per tutti i milanesi e per i citati patrioti. Di conseguenza si scusa anticipatamente per le imprecisioni, le mancanze e le omissioni presenti nel testo, pronto in ogni momento a raccogliere consigli e suggerimenti da parte dei suoi 25 spettatori.

Buon divertimento.

 

Massimiliano Paganini

A  cura di Luca Farioli