GLISPETTACOLI

Il Piave Mormoro'...e non solo lui!

 

Commedia Teatrale di Massimiliano Paganini - Regia: M. Paganini e S. Farioli

LEDATE

 

IVIDEO

DATESCORSE

LEFOTO

La storia si svolge nella casa del dottor Augusto Manzoni (medico condotto di un piccolo paese a ridosso del fronte) che vive con la moglie Giulia e la figlia Clara. Di per sé sembrerebbe tutto normale, ma immaginate cosa succede se dottor Manzoni deve ospitare un milite impazzito che pensa di essere Gabriele D'Annunzio. E se il miglior amico di famiglia (l'avvocato Vita Felice) ingaggia un esperto del paranormale per stabilire un contatto con l'amata fedifraga passata a miglior vita da pochi mesi.

Aggiungeteci una pettegola incallita, un giovanotto affetto della sindrome di Tourette e un ufficiale dell'esercito innamorato e la miscela comica diventa esplosiva.

Sullo sfondo la grande Storia: l'omicidio dell'erede al trono d'Austria, l'ingresso in guerra dell'Italia, la guerra di trincea, la presa di Gorizia fino a Vittorio Veneto e all'ingresso a Trento e a Trieste.

Il nuovo testo si inserisce nel filone comico – storico dell'Entrata di Sicurezza in quelle che potrebbero essere definite le commedie per l'Italia.

 

NOTE DELL'AUTORE

Dopo avere trattato la Seconda Guerra Mondiale e la lotta di Liberazione con "Ribelle per amore!" e il Risorgimento con "E' successo un quarantotto!" ho avvertito la necessità di completare l'opera con una commedia sulla Grande Guerra.
Delle tre commedie scritte forse quest'ultima è la meno storica e forse la più divertente. Lascio, però, che sia il pubblico a giudicare.
Quello che ho cercato di fare scrivendo e portando in scena queste commedie è quello di divertire il pubblico e di risvegliare nei cuori e nelle menti di ognuno l'amore per questo Paese che unico caso nella Storia è stato due volte "faro" dell'Umanità prima con l'impero Romano e, poi, con il Rinascimento.
Ho cercato di farlo usando l'arma a me più congeniale ovvero la comicità e le emozioni che il Teatro sa dare condividendo il pensiero di quel genio noto al mondo col nome di Charles Chaplin: "Credo nel potere del riso e delle lacrime come antidoto all'odio e al terrore".

A  cura di Luca Farioli